Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia

Comunicato stampa | 17 maggio 2021
© Tony Webster
Il 17 maggio si celebra la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. Questa ricorrenza accende i riflettori sulle discriminazioni e le ingiustizie che le persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersex) sono costrette a subire nel mondo del lavoro a causa del loro orientamento sessuale e identità di genere.

In occasione della Giornata internazionale, l’Ufficio OIL per l’Italia e San Marino riafferma la centralità del principio dell’uguaglianza e della non discriminazione — previsti dalla Costituzione dell’OIL e dalla Convenzione internazionale del lavoro (n. 111) sulla discriminazione nell’impiego e nella professione — al fine di realizzare la giustizia sociale e il lavoro dignitoso per tutti/e.

“La non discriminazione è l’essenza stessa delle società democratiche. Essa permette a lavoratori/trici di scegliere liberamente il proprio lavoro e sviluppare il loro potenziale. Tutte le persone, a prescindere dal loro orientamento sessuale e di genere, hanno pari diritto a vivere libere da violenza, persecuzioni, discriminazioni e stigma sul lavoro”, ha affermato il Direttore dell’Ufficio OIL per l’Italia e San Marino, Gianni Rosas.

Per promuovere una ripresa dalla pandemia che sia sostenibile e inclusiva e che non lasci nessuno indietro è necessario rafforzare la legislazione e le politiche, come pure la loro applicazione, al fine di garantire che il diritto alla non discriminazione nel mondo del lavoro per i lavoratori LGBTI divenga sostanziale. Tale strategia dovrebbe anche contemplare l’attuazione di misure affermative e di politiche aziendali sulla diversità e l’inclusione, come pure interventi concreti per eliminare la violenza e le molestie di genere nel mondo del lavoro, come sancito dalla Convenzione OIL n. 190 del 2019 che è stata ratificata dal Parlamento italiano agli inizi di quest’anno.