G20 e pandemia del COVID-19

“L’azione globale per affrontare la crisi legata al COVID-19 è fondamentale per prevenire il disastro sul lavoro” afferma l’OIL ai ministri G20

È necessario fare di più per proteggere i lavoratori e sostenere le imprese, in particolare nei paesi a reddito medio e basso, ha affermato il Direttore Generale dell’OIL ai Ministri del Lavoro.

Dichiarazione | 23 aprile 2020
Volontari consegnano aiuto umanitario alle famiglie povere in Kirghizistan
© Vyacheslav Oseledko / AFP
GINEVRA (Notizie OIL) — Il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, Guy Ryder, ha accolto con favore l’impegno dei Ministri responsabili per il lavoro e l’occupazione del G20 nell’ambito della promozione della “piena cooperazione a livello globale” come strumento per la salvaguardi dei posti di lavoro e del reddito dei lavoratori. Ryder ha sottolineato l’insufficienza delle misure di sostegno attualmente in campo.

“Man mano che la crisi si diffonde nei paesi a basso e medio reddito, dovremo fare molto di più per proteggere i lavoratori e sostenere le imprese, poiché questi paesi sono meno preparati per una crisi prolungata.  Altrimenti, la combinazione tra le dimensioni dell’economia informale e la scarsa copertura dei sistemi di protezione sociale produrranno un disastro per le persone e le economie”, ha detto Ryder.

Man mano che la crisi si diffonde nei paesi a basso e medio reddito, dovremo fare molto di più per proteggere i lavoratori e sostenere le imprese”

Guy Ryder
“Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di aiutare questi paesi a sostenere i loro cittadini e lavoratori a superare la crisi e a progredire attraverso i piani di ricostruzione. Abbiamo bisogno di solidarietà a livello globale per sostenere gli investimenti in queste economie, il loro rinnovamento sociale e ambientale, le misure per la protezione delle persone e l’efficacia delle istituzioni per il lavoro. Questo al fine di garantire una protezione effettiva dei lavoratori e delle loro famiglie. In caso contrario, le disuguaglianze si amplieranno, la povertà aumenterà e le conquiste sociali si perderanno con il pericolo di una ripresa sociale più difficile”, ha aggiunto.

In una dichiarazione rilasciata dopo la riunione straordinaria, tenutasi in modalità da remoto, del 23 aprile, i Ministri del G20 si sono impegnati ad adottare “in piena cooperazione su scala mondiale ... un approccio incentrato sulla persona che promuova l’occupazione, rafforzi la protezione sociale, stabilizzi le relazioni industriali e promuova i principi e i diritti fondamentali del lavoro”.

Il rispetto dei diritti fondamentali dei lavoratori e il dialogo efficace con le organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro è l’unico modo per una ripresa globale equa e sostenibile. La garanzia del sostegno pubblico è necessaria per l’attuazione di tali misure”

Guy Ryder
Dopo la sua presentazione, Ryder ha accolto con favore la conferma da parte dei Ministri dell’importanza del dialogo sociale nella definizione di soluzioni appropriate, proattive e durature per combattere la pandemia.

“Il rispetto dei diritti fondamentali dei lavoratori e il dialogo efficace con le organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro è l’unico modo per una ripresa globale equa e sostenibile. La garanzia del sostegno pubblico è necessaria per l’attuazione di tali misure”, ha affermato Ryder.

L’OIL ha proposto una risposta alla pandemia da COVID-19 attraverso politiche integrate che si poggiano su quattro pilastri. Tali pilastri includono il sostegno all’economia e l’occupazione; il supporto a imprese, lavoro e reddito; la protezione di coloro che lavorano o dei lavoratori durante la riapertura delle attività economie e l’applicazione del dialogo sociale.