Coalizione OIL, IFAD e CARE

Nuovo partenariato per promuovere il lavoro dignitoso nei sistemi agroalimentari

La nuova alleanza tra OIL, IFAD e CARE intende promuovere il lavoro dignitoso e l’occupazione produttiva, con l’obiettivo di affrontare la povertà e le disuguaglianze nel settore agroalimentare, e promuovere un modello economico sostenibile.

Comunicato stampa | 20 luglio 2023
© Staton Winter / UN Women
GINEVRA / ROMA (notizie OIL) — L’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) e CARE International hanno costituito un nuovo partenariato multi-stakeholder per promuovere i diritti umani e del lavoro, posti di lavoro dignitosi e retribuzioni equi e adeguati nel settore agroalimentare.

La coalizione “Lavoro dignitoso per sistemi alimentari equi” intende promuovere l’occupazione dignitosa e produttiva nei sistemi alimentari. Le sue priorità si basano sui quattro pilastri dell’Agenda per il lavoro dignitoso dell’OIL: diritti al lavoro, occupazione piena e produttiva, protezione sociale e dialogo sociale.

La Coalizione creerà partenariati con gli Stati membri, le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, la società civile, le imprese, le organizzazioni internazionali, le istituzioni del lavoro e dell’occupazione e le comunità dei sistemi alimentari. Essa fornisce uno spazio per condividere e sfruttare l’esperienza sulle strategie necessarie per migliorare le condizioni di lavoro e i mezzi di sussistenza dei lavoratori del settore agroalimentare e promuovere imprese sostenibili nel settore.

I lavori nel settore agroalimentare sono tra i più pericolosi, meno tutelati, e più mal pagati. Due terzi dei lavoratori classificati come “estremamente poveri” lavorano in agricoltura. In alcuni paesi, i lavoratori agricoli sono esclusi dalla legislazione generale sul lavoro. Essi possono quindi mancare dei diritti e delle tutele giuridiche di cui godono i lavoratori di altri settori.

“Le recenti crisi hanno messo in luce la fragilità dei nostri sistemi alimentari, evidenziando le gravi sfide occupazionali e lavorative che i lavoratori e le imprese del settore agroalimentare devono affrontare. Costruire sistemi alimentari resilienti ed equi che producano cibo nutriente a sufficienza per la popolazione mondiale in crescita richiede un approccio che garantisca i diritti dei lavoratori del settore agroalimentare, affronti le carenze di lavoro dignitoso e promuova una crescita sostenibile del settore agroalimentare. L’OIL dispone di un’ampia gamma di strumenti e metodi collaudati per promuovere efficacemente tali approcci”, ha dichiarato Alette van Leur, Direttrice del Dipartimento delle politiche settoriali dell’OIL.

“Affrontare le disuguaglianze deve essere al centro dello sviluppo sostenibile. La visione dell’IFAD di una trasformazione rurale inclusiva e sostenibile è quella di un mondo in cui la povertà estrema sia eliminata e ogni famiglia rurale lavori e viva in modo dignitoso. La comunità internazionale e le iniziative come la Coalizione hanno un ruolo importante da svolgere per raggiungere questo obiettivo”, ha dichiarato Tom Anyonge, specialista tecnico capo dell’IFAD per i giovani, lo sviluppo rurale e le istituzioni.

“Non possiamo affrontare la povertà estrema in tutto il mondo finché non ci occupiamo di giustizia economica e di mezzi di sussistenza equi per ogni agricoltore, pescatore e lavoratore dei sistemi alimentari. Noi di CARE conosciamo fin troppo bene questa realtà. Da oltre 75 anni, CARE è apre la via a una vita migliore per le persone più vulnerabili del mondo. Siamo lieti che altri si uniscano a noi in questa sfida difficile ma necessaria per la giustizia”, ha dichiarato Christine Campeau, Direttrice advocacy di CARE International.

Le tre organizzazioni si baseranno sui loro mandati collettivi per accelerare un aumento sostanziale delle azioni che hanno un impatto sugli stakeholder dei sistemi alimentari. Insieme, la coalizione compirà progressi concreti nel raggiungimento di un mondo del lavoro più giusto ed equo per i 4,5 miliardi di persone che dipendono dai sistemi alimentari per il loro sostentamento.