Settore del turismo

Il turismo ha il potenziale per svolgere un ruolo importante nella ripresa globale della pandemia

Con le politiche adeguate, il settore del turismo può svolgere un ruolo importante nella ripresa globale dal COVID-19, a condizione che si crei un ambiente favorevole alle imprese sostenibili e che i posti di lavoro creati siano dignitosi e sostengano il progresso sociale ed economico.

Comunicato stampa | 6 maggio 2022
© Dorsett Hospitality International
GINEVRA (notizie OIL) — Un incontro di specialisti del turismo ha formulato raccomandazioni che potrebbero aiutare il settore turistico a svolgere un ruolo di primo piano nella ripresa globale dalla pandemia di COVID-19.

L’incontro tecnico, organizzato dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), ha sottolineato l’importanza di politiche e misure a favore di una ripresa del turismo che sia inclusiva, sostenibile e resiliente. Le priorità dovrebbero includere il sostegno a una giusta transizione verso la formalità nel settore turistico, la promozione di posti di lavoro dignitosi e di imprese sostenibili, misure per garantire un’adeguata protezione a tutti i lavoratori e una migliore preparazione del settore ad affrontare crisi future.

Le conclusioni dell’incontro hanno sottolineato l’importanza di attuare le Linee guida dell’OIL sul lavoro dignitoso e sul turismo socialmente responsabile e di sostenere la cooperazione con le organizzazioni multilaterali rilevanti — tra cui OCSE, PNUD, UNEP, UNWTO e OMS — e le organizzazioni regionali, per promuovere politiche coerenti.

L’incontro tecnico dell’OIL sul COVID-19 e la ripresa sostenibile nel settore del turismo ha riunito i rappresentanti di 86 governi, 12 datori di lavoro, 22 lavoratori e 10 rappresentanti di organizzazioni internazionali governative e non governative, per discutere di una ripresa sostenibile e resiliente e di una giusta transizione verso un futuro sostenibile del lavoro nel turismo.

Il settore turistico è un importante motore di crescita economica, sviluppo delle imprese e creazione di posti di lavoro, in particolare per le donne, i giovani, i lavoratori migranti e le comunità locali. Prima della crisi del COVID-19, il settore rappresentava un posto di lavoro su dieci a livello mondiale e circa il 10 per cento del PIL globale. Il settore impiega una quota elevata di donne e giovani. Nel 2019, le donne rappresentavano oltre il 50 per cento dei lavoratori del settore e la maggior parte di tutti i lavoratori del turismo aveva meno di 35 anni.

Il turismo è stato uno dei settori più colpiti dalla pandemia di COVID-19 e le conseguenze si sono fatte sentire in modo particolare nel segmento informale del settore, dove le carenze di lavoro dignitoso sono anche più pronunciate. Il lavoro informale o occasionale coinvolge spesso donne, giovani, popolazioni indigene e tribali, lavoratori migranti e comunità locali, che di conseguenza sono colpiti in modo sproporzionato.

“L’impatto della pandemia sulle imprese, in particolare sulle micro, piccole e medie imprese, è senza precedenti”, ha dichiarato il vicepresidente del gruppo dei datori di lavoro, Ignacio Eduardo Capurro. “Garantire la continuità aziendale ed elaborare politiche che favoriscano lo sviluppo sostenibile delle imprese è di estrema importanza per la ripresa del settore. Inoltre, la promozione dello sviluppo delle competenze e la transizione verso l’economia formale sono essenziali per aumentare la produttività nel contesto del futuro lavorativo del settore”.

“La pandemia di COVID-19 ha aggravato le carenze di lavoro dignitoso nel settore turistico, molte delle quali esistevano già prima della sua insorgenza”, ha dichiarato Kerstin Howald, vicepresidente del gruppo dei lavoratori. “Il dialogo sociale, basato sulla libertà di associazione e sul diritto alla contrattazione collettiva, è fondamentale per migliorare le condizioni di lavoro, i salari, la salute e sicurezza sul lavoro, la protezione sociale, l’uguaglianza di genere e l’istruzione e la formazione professionale tecnica, e per la giusta transizione verso un futuro del lavoro inclusivo, sostenibile e resiliente, poiché il lavoro dignitoso è il presupposto per superare la carenza di manodopera nel turismo”.

“Le politiche che promuovono un ambiente favorevole all’imprenditorialità e alle imprese turistiche sostenibili, che investono nello sviluppo di una forza lavoro turistica qualificata e che facilitano la transizione dall’economia informale a quella formale sono fondamentali per una ripresa incentrata sulla persona, inclusiva, sostenibile e resiliente”, ha dichiarato Joséphine Andriamamonjiarison, presidente dell’incontro.

Le conclusioni e le raccomandazioni adottate durante l’incontro intendono aiutare i governi, i datori di lavoro e i lavoratori a sfruttare tutto il potenziale del settore turistico per sostenere una ripresa inclusiva, sostenibile e resiliente incentrata sulla persona e una giusta transizione verso un futuro del lavoro nel settore del turismo più inclusivo, sostenibile e resiliente.