Dialogo sociale

Rafforzare il ruolo e l’impatto delle istituzioni nazionali del dialogo sociale

Seminario OIL-CNEL in collaborazione con AICESIS, Roma, 26 settembre 2019

Comunicato stampa | 26 settembre 2019
Il dialogo sociale e la partecipazione tripartita — dei governi, delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori — nella definizione delle politiche che hanno un impatto nel mondo del lavoro è il pilastro sul quale si basa il funzionamento dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL).

Come sancito nella sua Costituzione del 1919 — che rappresenta il primo contratto sociale frutto del dialogo tra governi, rappresentanti delle imprese e sindacati — la libertà di associazione e di contrattazione collettiva rappresentano il mezzo principale per realizzare i diritti e le libertà sul lavoro. È attraverso il dialogo sociale che è stato possibile raggiungere un livello di progresso economico e sociale e inimmaginabili cento anni fa. Oggi tuttavia, le istituzioni nazionali per il dialogo sociale fanno fatica ad affermare il loro ruolo nei sistemi di governance delle politiche economiche e sociali.

Promosso dal CNEL e dall’OIL nell’ambito delle iniziative per il centenario dell’Organizzazione, il seminario internazionale di oggi ha discusso le azioni da intraprendere per rafforzare il mandato delle istituzioni per il dialogo sociale come il CNEL. Il seminario ha anche favorito lo scambio di esperienze sul mandato e lo stato di funzionamento delle istituzioni per il dialogo sociale della Francia, Grecia, Portogallo e Spagna.

Come affermato dalla Dichiarazione del Centenario dell’OIL sul Futuro del Lavoro adottata dai rappresentanti tripartiti dei 187 Paesi membri dell’OIL a Ginevra il 21 giugno scorso, gli Stati devono impegnarsi nel: (1) promuovere il dialogo sociale al fine di affrontare le sfide vecchie e nuove del mondo del lavoro; (2) rafforzare le istituzioni del lavoro, e (3) rinvigorire il contratto sociale al fine di sviluppare strategie nazionali incentrate sulle persone per massimizzare i benefici e minimizzare i rischi derivanti da un mondo del lavoro che cambia.