Donne nel settore imprenditoriale e in ruoli dirigenziali

Le donne in posizioni apicali migliorano i risultati d’impresa

Un nuovo rapporto dell’OIL mostra che la diversità di genere migliora i risultati d’impresa e facilita l’attrazione di talenti. Il rapporto analizza anche i motivi alla base dei deficit in termini di politiche sulla diversità di genere e formula raccomandazioni per invertire le tendenze attuali.

Comunicato stampa | 22 maggio 2019
© Sigrid Olsson/AltoPress/PhotoAlto
GINEVRA (Notizie dell’OIL) — Secondo un nuovo rapporto dell’Ufficio per le Attività dei Datori di Lavoro  dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), le imprese che attuano iniziative di promozione della diversità di genere — in particolare a livello senior —  ottengono risultati migliori, tra cui un aumento significativo dei profitti.

Il rapporto, Donne nel settore imprenditoriale e in ruoli dirigenziali: un piano per il cambiamento, ha analizzato i risultati di un’indagine che ha coinvolto quasi 13.000 imprese in 70 paesi. Oltre il 57 per cento  degli intervistati ha convenuto che le iniziative sulla diversità di genere hanno migliorato i risultati di impresa. Quasi i tre quarti delle aziende che hanno monitorato gli impatti della diversità di genere nella gestione delle loro imprese hanno riportato incrementi di profitto tra il 5 e il 20 per cento, la maggioranza di queste ha registrato un incremento tra il 10 e il 15 per cento.

Quasi il 57 per cento degli intervistati ha anche  dichiarato che tale approccio facilita l’attrazione e permanenza dei talenti nelle imprese. Oltre il 54 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver visto miglioramenti in termini di creatività, innovazione e apertura e una percentuale simile ha affermato che gli approcci inclusivi di genere hanno migliorato la reputazione della propria azienda, mentre quasi il 37 per cento ha  rilevato un impatto in termini di predisposizione a meglio comprendere i bisogni del cliente.

Le aziende dovrebbero considerare la parità di genere come un fattore fondamentale piuttosto che come  un problema esclusivamente  legato alle risorse umane”

Deborah France-Massin, Direttrice dell’Ufficio dell’OIL per le Attività dei Datori di Lavoro
Il rapporto ha anche rilevato che, a livello nazionale, un aumento dell’occupazione femminile è associato alla crescita del prodotto interno lordo (PIL). Il risultato è basato su un’analisi dei dati di 186 paesi per il periodo 1991-2017.

“Ci aspettavamo di vedere una correlazione positiva tra la diversità di genere e il successo imprenditoriale, ma questi risultati sono illuminanti”, ha detto Deborah France-Massin, Direttrice dell’Ufficio dell’OIL per le Attività dei Datori di Lavoro. “Quando si considerano gli sforzi che le aziende fanno in altre aree per ottenere solo il 2 o il 3 per cento in più di profitti, il significato è chiaro. Le aziende dovrebbero considerare la parità di genere tra il loro personale come un fattore fondamentale piuttosto che come  un problema esclusivamente  legato alle risorse umane”.

L’equilibrio di genere nell’alta dirigenza, e nella forza lavoro in generale, si raggiunge con la proporzione 40-60 tra i lavoratori dei due sessi. Il rapporto afferma che gli effetti benefici della diversità di genere iniziano a maturare quando le donne detengono il 30 per cento delle posizioni dirigenziali e di leadership. Quasi il 60 per cento delle imprese, tuttavia, non riesce a raggiunge questo obiettivo e fatica ad ottenere i risultati. Inoltre, in quasi la metà delle aziende oggetto dell’indagine, meno di un terzo del personale manageriale di base è composto da donne. Questo implica una perdita  di talento nei diversi profili manageriali, inclusi quelli relativi all’alta dirigenza.

Quasi i tre quarti delle imprese intervistate attua politiche d’impresa basate sulle pari opportunità o  sulla diversità e sull’inclusione. In base a quanto emerge dal rapporto, sono tuttavia necessarie azioni più specifiche per garantire la visibilità delle donne e per favorire il loro avanzamento di carriera in aree strategiche d'impresa.

“In un’epoca di carenza di competenze, le donne rappresentano una riserva formidabile di talenti che le aziende non valorizzano abbastanza”, Deborah France-Massin.

Sono stati identificati alcuni fattori chiave che impediscono alle donne di raggiungere posizioni dirigenziali. Le culture d’impresa che richiedono disponibilità “ovunque e in qualsiasi momento” svantaggiano le donne in modo sproporzionato a causa delle loro responsabilità familiari. A tal proposito, è necessario migliorare, sia per i lavoratori che per le lavoratrici, le politiche che supportano l’inclusione e la conciliazione  tra lavoro e vita privata, come orari di lavoro flessibili e congedi paternità.

Un altro fattore che impedisce alle donne di accedere a posizioni dirigenziali è il fenomeno della “tubatura forata”, cioè la tendenza alla riduzione della proporzione di donne manager man mano che si sale nella gerarchia. La “parete di cristallo” descrive la presenza delle donne manager in ruoli come le risorse umane, la finanza e l’amministrazione che sono considerati meno strategici e con meno probabilità di sfociare in posizioni di direttore generale e di amministratore delegato o altro membro dei consigli d'amministrazione. Meno di un terzo delle imprese intervistate ha raggiunto la massa critica di un terzo di donne membri dei  consigli d'amministrazione. Circa un'impresa su otto ha riportato di avere ancora consigli d'amministrazione composti da soli uomini. Più del 78 per cento delle imprese che hanno risposto all’indagine aveva un amministratore delegato di sesso maschile, mentre la maggiore probabilità di avere amministratori di sesso femminile risiedeva nelle imprese di piccole dimensioni.

“L’interesse a consentire a un maggior numero di donne di entrare in posizioni dirigenziali è inconfutabile”, ha affermato France-Massin. “In un’epoca di scarsità di competenze, le donne rappresentano una risorsa formidabile di talenti che le aziende non valorizzano abbastanza. Le aziende attente al successo nell’economia globalizzata dovrebbero fare della diversità di genere un elemento fondamentale della loro strategia imprenditoriale. Le organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro e le organizzazioni di rappresentanza imprenditoriale devono prendere la leadership nella promozione di politiche efficaci e nella loro reale attuazione”.