Raccolta di potenziali buone pratiche per il lavoro dignitoso in agricoltura

Nell’ambito dell’attuazione del Piano triennale, l’OIL e la Commissione Europea hanno supportato il MLPS per la raccolta di potenziali buone pratiche per prevenire e contrastare lo sfruttamento lavorativo in agricoltura.

Articolo | 25 gennaio 2021
Approvato il 20 febbraio 2020 dal Tavolo inter-istituzionale presieduto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS), il Piano triennale per il contrasto dello sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato (Piano) definisce una strategia organica per la prevenzione e il contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato che si struttura su quattro assi prioritari (prevenzione, la vigilanza e contrasto, protezione e assistenza per le vittime e reintegrazione socio lavorativa) — resi operativi attraverso dieci azioni prioritarie che coinvolgono, in un modello di governance multilivello, le diverse amministrazioni a livello centrale, regionale e locale. Per dare concreta attuazione al Piano, il MLPS ha stanziato un portfolio di risorse finanziarie — destinate ad istituzioni pubbliche, parti sociali e ad oltre organizzazioni non governative — per la promozione di azioni di prevenzione e contrasto dello sfruttamento lavorativo in agricoltura anche a livello regionale e territoriale.

Al fine di favorire un maggior coordinamento fra i diversi attori coinvolti in queste iniziative e assicurarne la coerenza rispetto al Piano, il MLPS — con il supporto tecnico dell’Ufficio per l’Italia e San Marino dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) e la Commissione Europea (DG-Riforma) — ha promosso un’iniziativa per la raccolta di potenziali buone pratiche per la prevenzione e il contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura.

Realizzata nell’ambito dell’Azione “Supporto al rafforzamento della governance inter-istituzionale in materia di sfruttamento lavorativo in Italia” — promossa e co-finanziata dalla DG Riforma della Commissione Europea e dall’OIL — l’iniziativa ha l’obiettivo di valorizzare gli interventi promossi a livello territoriale, promuoverne il coordinamento e individuare pratiche innovative da ricondurre nell’ambito della strategia nazionale per la promozione del lavoro dignitoso in agricoltura.  Attraverso la metodologia individuata dell’OIL per la raccolta e analisi delle buone pratiche in materia di politiche del lavoro, è stata lanciata una call per l’identificazione di potenziali buone pratiche riconducibili nell’ambito di una o più azioni prioritarie del Piano triennale. È stato inoltre predisposto un questionario che — accompagnato da una guida per la compilazione — ha permesso l’analisi delle pratiche presentate sulla base di sette criteri oggettivi (pertinenza e coerenza, efficacia, impatto, efficienza, sostenibilità, innovazione e replicabilità). Le proposte pervenute sono state esaminate e valutate da un gruppo di esperti in materia di lavoro e protezione sociale presieduto dal MLPS e supportato dall’OIL. In continuità con questa iniziativa, il MLPS ha inoltre promosso la costituzione di una Comunità di pratiche per lo scambio di conoscenze, esperienze e buone pratiche tra tutti gli attori coinvolti nella promozione del lavoro dignitoso.