Settore della pesca

UILA Pesca partecipa all’evento “Uomo a mare! Autori di nuovi pezzi sul Mediterraneo”a Mazara del Vallo

Pescatori
UILA Pesca partecipa all’evento “Uomo a mare! Autori di nuovi pezzi sul Mediterraneo”, in programma dal 16 al 19 settembre a Mazara del Vallo.

Sabato 18 settembre, alle ore 9.30 presso l’Aula “Carlo Borromeo” del seminario vescovile si svolgerà un convegno sul tema “Mediterraneo: il lavoro nella pesca, un patrimonio comune che rischia di sparire”, al quale parteciperanno il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, il sindaco della città, Salvatore Quinci, e il segretario della UILA Pesca, Sicilia Tommaso Macaddino. Interverranno inoltre l’assessore regionale alla pesca, Tony Scilla, il direttore dell’Apostolato del mare della CEI, don Bruno Bignami, il vice direttore divisione pesca e acquacoltura FAO, Audun Lem, il direttore dell’Ufficio OIL per l’Italia e San Marino, Gianni Rosas, il presidente MEDAC, Giampaolo Buonfiglio, il responsabile politiche della pesca ETF, Andrea Albertazzi, la presidente dell’Osservatorio nazionale della pesca, Francesca Biondo, il responsabile politiche comunitarie della UILA Pesca, Giorgio Gallizioli, e Franco Andaloro della stazione zoologica “Anton Dohrn”. Il convegno, presieduto dal segretario generale della UILA Stefano Mantegazza, sarà aperto dalla relazione introduttiva della segretaria generale UILA Pesca, Enrica Mammucari, e chiuso dall’intervento del segretario generale della UIL, Pierpaolo Bombardieri.

A distanza di un anno dal drammatico episodio del sequestro dei 18 pescatori mazaresi in Libia, la UILA Pesca ha deciso di realizzare un momento di confronto aperto e approfondito sulla difficile situazione della pesca nel nostro paese, a partire dall’urgenza di assicurare una governance nel Mediterraneo e, più in generale, di garantire un futuro ad un settore che in un solo anno, tra il 2019 e il 2020, ha perso il 26 per cento della produzione e il 28 per cento dei ricavi, con conseguenti ingenti perdite anche sul fronte dell’occupazione e che rischia un vero e proprio collasso.

Il venerdì 17, alle ore 16.30, la UILA Pesca condurrà un “laboratorio esperienziale” sul tema “le donne dei pescatori protagoniste del futuro” al quale parteciperanno madri, mogli, figlie e sorelle dei pescatori di Mazara per raccontare le loro esperienze e per individuare azioni e iniziative possibili per accrescere il ruolo e la rappresentatività delle donne nel settore. Nel corso del seminario verrà anche presentato uno studio realizzato dalla UILA Pesca su questo argomento.
Entrambe le iniziative sono realizzate con il contributo del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, nell’ambito del Piano nazionale triennale pesca-acquacoltura 2021.