ILO is a specialized agency of the United Nations
Promuovere l'occupazione, proteggere le gente
ILO-Roma > Risorse informative > Per la stampa > Dichiarazioni e discorsi > Dichiarazione congiunta del Direttore Generale dell’ILO, Juan Somavia, e del ...

Dichiarazione congiunta del Direttore Generale dell’ILO, Juan Somavia, e del Segretario Generale dell’OCSE, Angel Gurría al G20 dei Ministri del Lavoro

Mentre i Ministri del Lavoro del G20 si incontrano oggi, noi, i Capi dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro e dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, esprimiamo la nostra preoccupazione per la gravità della crisi occupazionale. Sono 200 milioni i disoccupati nel mondo, una cifra prossima al picco raggiunto durante la Grande recessione.

Tipo: Dichiarazione
Quando: 26 settembre 2011
Dove: Paris

Mentre i Ministri del Lavoro del G20 si incontrano oggi, noi, i Capi dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro e dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, esprimiamo la nostra preoccupazione per la gravità della crisi occupazionale. Sono 200 milioni i disoccupati nel mondo, una cifra prossima al picco raggiunto durante la Grande recessione. Oggi, la crisi occupazionale sta colpendo in modo particolarmente grave i gruppi più vulnerabili, tra una crescente disoccupazione a lungo termine, una disoccupazione giovanile in continuo aumento ed un’informalità che dilaga. Questa è il volto umano della crisi. I governi non possono ignorarlo.

Ci complimentiamo con la Presidenza francese del G20 per aver posto l’occupazione e la protezione sociale al centro dei dibattiti politici globali. Ribadiamo l’importanza fondamentale di fare della creazione di posti lavoro di qualità una reale priorità. Il G20 dei Ministri del Lavoro rappresenta una grande opportunità per i paesi del G20 in quanto può dare una direzione ed esprimere un impegno chiaro su come affrontare la crisi occupazionale. Le raccomandazioni dei Ministri del Lavoro dovrebbero ricoprire un ruolo chiave nella preparazione dei risultati del vertice del G20 a Cannes.

La crescita economica è in declino nei paesi avanzati del G20 e sta rallentando nella maggioranza dei paesi emergenti. In molti paesi la creazione di occupazione è stata debole e non sufficiente per riassorbire la massa di disoccupati e sottoccupati. Nei paesi del G20, mancano ancora 20 milioni di posti di lavoro per ritornare al tasso di occupazione pre-crisi e questa cifra potrebbe arrivare a 40 milioni entro la fine del 2012 qualora l’attuale tasso di crescita dell’occupazione (0,8%) rimarrà inalterato anche l’anno prossimo.

L’occupazione dovrebbe crescere almeno del 1,3% l’anno per poter tornare ai livelli pre-crisi nel 2015. Una crescita del genere creerebbe circa 21 milioni di posti di lavoro in più all’anno, recuperando quindi i lavori persi dal 2008 e assorbendo l’incremento della popolazione in età lavorativa.

Come sottolineato nei nostri documenti preparati in vista di questa riunione dei Ministri del Lavoro, tutti i paesi del G20 dovranno affrontare sfide occupazionali notevoli, ma in contesti molto diversi che richiedono risposte politiche differenti. Dove le prospettive di crescita rimangono forti, la sfida è quella di promuovere posti di lavoro di qualità e di ridurre l’informalità. I paesi che hanno ancora lo spazio fiscale, dovrebbero dare la priorità agli investimenti, anche nelle infrastrutture. Dove le risorse pubbliche sono scarse, bisogna concentrarsi su misure economicamente efficienti — come i sussidi per le assunzioni — e sui gruppi più vulnerabili. In particolare, rivolgendosi ai giovani attraverso programmi di apprendistato e assistenza nella ricerca di lavoro si può ridurre il rischio che questi cadano nella disoccupazione di lungo termine e che perdano il contatto con il mercato del lavoro. Il sostegno al reddito per i disoccupati dovrebbe essere mantenuto o addirittura rafforzato laddove l’assistenza è relativamente bassa. Ma è essenziale combinare il sostegno al reddito con programmi efficaci di reinserimento per promuovere un rapido rientro nel mondo del lavoro.

Il nostro rapporto dimostra, inoltre, come in alcuni paesi la protezione sociale abbia svolto un ruolo significativo durante la crisi, proteggendo i poveri e le altre categorie vulnerabili. Al di là della crisi, i sistemi nazionali di protezione sociale di base hanno dimostrato la loro efficacia nel ridurre la povertà e le disuguaglianze, nonché nello stimolare una crescita economica inclusiva e sostenibile.

L’OCSE e l’ILO hanno lavorato insieme per presentare a questa riunione un’analisi e dei consigli obiettivi. Prendendo spunto dalle consultazioni con le parti sociali, noi promettiamo di impegnarci al massimo per sostenere il processo del G20 per il futuro, lavorando maggiormente insieme per monitorare gli sviluppi del mercato del lavoro, esaminando le risposte politiche alla crisi occupazionale e assistendo i governi, in consultazione con le parti sociali, a ottenere e condividere opinioni sulle buone pratiche politiche.

La nostra partnership ha lo scopo di garantire che l’occupazione e la protezione sociale siano al centro del dibattito politico del G20 per accrescerne i risultati. Sosterrà lo sforzo dei governi del G20 volto a creare collegamenti più efficaci fra le misure politiche occupazionali e sociali e le politiche di crescita, migliorando le prospettive tese a raggiungere gli obiettivi comuni di tutti i membri del G20.

Lavorando insieme e esprimendo i punti di vista dei nostri rispettivi Costituenti, renderemo le nostre Organizzazioni delle alleate ancora più forti di tutti gli stakeholders interessati alla creazione di posti di lavoro, di pari opportunità e di una partecipazione più inclusiva.

Contatti

Corinne Perthuis +41/79 593 1491 — perthuis@ilo.org
Dipartimento di Comunicazione ILO +41/22 799 7912 — communication@ilo.org

Questo contenuto è anche disponibile in
English  Español  Français 
A A+A++  Stampa  Mail
chiudi

E-mail

Dichiarazione congiunta del Direttore Generale dell’ILO, Juan Somavia, e del Segretario Generale dell’OCSE, Angel Gurría al G20 dei Ministri del Lavoro

A

Indirizzo e-mail:
Separa piu’ indirizzi con una virgola (,)

Il tuo recapito:

Nome o cognome:
Il tuo E-mail:
Invia
Condividi questo contenuto
© 1996-2014 International Labour Organization (ILO) | Copyright and permissions | Privacy policy | Disclaimer