ILO is a specialized agency of the United Nations
Promuovere l'occupazione, proteggere le gente
ILO-Roma > Risorse informative > Per la stampa > Comunicati stampa > Cercansi lavoratori locali per l’industria petrolifera e del gas ...

Cercansi lavoratori locali per l’industria petrolifera e del gas

L’industria petrolifera e del gas si trova ad affrontare gravi carenze di lavoratori qualificati. Questa potrebbe essere un’opportunità per i paesi produttori di petrolio e gas per intensificare il coinvolgimento della forza lavoro locale.

Comunicato stampa | 12 dicembre 2012

GINEVRA (ILO News) — La domanda globale di greggio e gas naturale è aumentata negli ultimi anni, provocando la crescita degli investimenti e aggravando, di conseguenza, la carenza di lavoratori qualificati.

La domanda mondiale di energia aumenterà del 35% tra il 2010 e il 2035, secondo quanto stimato dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE). Nuovi giacimenti petroliferi e di gas consentiranno di soddisfare la domanda futura di energia, ma l’industria potrebbe non trovare i lavoratori di cui ha bisogno per sfruttare i nuovi giacimenti.

Secondo l’esperto in materia di petrolio e gas dell’ILO, Yasuhiko Kamakura, più della metà dei professionisti nei giacimenti petroliferi raggiungeranno l’età pensionabile nel prossimo decennio. Questo pone una vera e propria sfida per il settore.

«Mentre le aziende petrolifere e di gas espandono le loro operazioni in nuove e sempre più remote aree geografiche, per riuscire a ridurre la dipendenza dai servizi dei lavoratori espatriati esse dovranno investire nella formazione della forza lavoro locale. Con questo obiettivo, i governi, i datori di lavoro e i lavoratori devono collaborare a livello mondiale per risolvere il problema della carenza delle competenze necessarie in questo settore», ha spiegato.

La manodopera locale principale beneficiaria


Assumere più lavoratori locali potrebbe essere una soluzione alla carenza di competenze, unitamente ad una politica che attiri il maggior numero di donne verso questo settore (si veda riquadro in basso).

La questione è all’ordine del giorno della Riunione dell’ILO su competenze, risorse umane e formazione alla sicurezza nell’industria del petrolio e del gas, (ILO meeting on skills, human resources and safety training in the oil and gas industry ) presieduto da Ruek Puok Riek, che dirige la Missione Permanente della Repubblica del Sud Sudan presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali con sede a Ginevra.

Riek sottolinea che, nel suo paese, il settore della produzione di petrolio e gas dipende dai lavoratori espatriati. «La maggior parte dei nostri lavoratori viene dalla Cina, dalla Malesia e dall’Indonesia (...) Nel Sud Sudan non abbiamo persone in grado di sostituirli».

Ridurre la dipendenza dai lavoratori espatriati può rivelarsi difficile in alcune circostanze e quasi impossibile quando i lavoratori locali qualificati semplicemente non ci sono.

«Ci vogliono 6 anni perché uno studente ottenga un titolo di studio che sia pertinente per il settore dell’industria del petrolio e del gas. Senza dubbio, la formazione di lavoratori e tecnici qualificati è molto più rapida e potrebbe essere un primo passo nella creazione di una forza lavoro locale qualificata», ha dichiarato Riek.

L’esempio della Nigeria mostra quanto sia difficile dotarsi di una forza lavoro qualificata per il tipo di competenze richieste dall’industria del petrolio e del gas.

«Le discipline insegnate nelle facoltà di scienza e tecnologia delle università nigeriane ancora non rispondono alle competenze richieste dalle principali compagnie internazionali petrolifere e del gas» ha affermato Kamakura. «Tuttavia, il paese sta valutando una nuova strategia che garantirà ai professionisti nigeriani la possibilità di continuare a giocare un ruolo cruciale in questo settore», ha spiegato l’esperto dell’ILO.

Formare talenti locali


Mentre le imprese cercano di ridurre i costi economici legati al mantenimento di una forza lavoro internazionale, sempre più riconoscono l’importanza di reclutare personale qualificato locale — con conoscenze ed esperienze del luogo — che potrebbe con il tempo andare a ricoprire incarichi di responsabilità.

In Angola, i centri di formazione — creati con l’appoggio di alcune compagnie petrolifere - formano gli angolani a lavorare nel settore petrolifero e del gas. I corsi offerti includono analisi dei rischi, le strutture e i sistemi geologici, il disegno industriale e una introduzione alle tecniche di perforazione, alle valvole e ai tubi.

Dalla scoperta delle principali riserve petrolifere nel 2007, il Ghana ha adottato una strategia ambiziosa che mira a raggiungere almeno il 90% della partecipazione locale in tutte le attività collegate all’industria del petrolio e del gas entro il 2020.

Kamakura sottolinea che il miglioramento delle condizioni di lavoro e delle prospettive di carriera è uno strumento chiave per attirare lavoratori qualificati.

Attirare le lavoratrici qualificate

  • Il numero di donne qualificate nell’industria del petrolio e del gas è relativamente basso. Il rapporto uomini/donne è rimasto stabile nel corso degli ultimi sei anni.
  • Nelle Geo scienza, le donne costituiscono il 18-27% della forza lavoro.
  • L’11-19% degli ingegneri petroliferi è costituito da donne.
  • Le donne subiscono spesso discriminazioni sul lavoro.
  • Le donne occupano meno posti di responsabilità e incontrano più spesso ostacoli alla loro carriera rispetto agli uomini.
  • Quando le donne sono ben integrate in tutti i livelli dell’impresa, hanno un approccio più positivo nei confronti dell’azienda.
Questo contenuto è anche disponibile in
العربية  English  Español  Français 
A A+A++  Stampa  Mail
chiudi

E-mail

Cercansi lavoratori locali per l’industria petrolifera e del gas

A

Indirizzo e-mail:
Separa piu’ indirizzi con una virgola (,)

Il tuo recapito:

Nome o cognome:
Il tuo E-mail:
Invia
Condividi questo contenuto
© 1996-2014 International Labour Organization (ILO) | Copyright and permissions | Privacy policy | Disclaimer