ILO is a specialized agency of the United Nations
Promuovere l'occupazione, proteggere le gente
ILO-Roma > Risorse informative > Per la stampa > Comunicati stampa > Primo Rapporto dell’ILO sulla sicurezza sociale nel mondo: la sicurezza ...

Primo Rapporto dell’ILO sulla sicurezza sociale nel mondo: la sicurezza sociale gioca un ruolo cruciale in tempo di crisi, ma ancora non esiste in gran parte del mondo

Un nuovo rapporto dell’Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO) afferma che, sebbene, sia oggi che nel passato, le misure di sicurezza sociale abbiano giocato un ruolo cruciale nel ridurre l’impatto sociale delle crisi economiche, la copertura minima di sicurezza sociale rimane fuori dalla portata della maggior parte delle persone nel mondo, sopratutto nei paesi a basso reddito.

Comunicato stampa | 16 novembre 2010

GINEVRA (Notizie dall’ILO) – Un nuovo rapporto dell’Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO) afferma che, sebbene, sia oggi che nel passato, le misure di sicurezza sociale abbiano giocato un ruolo cruciale nel ridurre l’impatto sociale delle crisi economiche, la copertura minima di sicurezza sociale rimane fuori dalla portata della maggior parte delle persone nel mondo, sopratutto nei paesi a basso reddito.

Il rapporto World Social Security Report 2010-2011: Providing coverage in times of crisis and beyond (“Rapporto 2010-2011 sulla sicurezza sociale nel mondo: garantire una copertura sociale in tempo di crisi e oltre”), il primo di una serie di rapporti che saranno pubblicati ogni due anni, analizza i divari nell’accesso ai programmi di sicurezza sociale riguardanti le cure mediche, le pensioni, l’assistenza sociale e le indennità di disoccupazione. Inoltre, lo studio rileva che nel mondo la maggior parte delle persone in età lavorativa, insieme alle loro famiglie, non gode di un accesso effettivo a sistemi di protezione sociale universali.

“L’attuale crisi ha evidenziato l’importanza di poter contare su un pacchetto minimo di prestazioni di sicurezza sociale per tutti,” ha dichiarato il Direttore Generale dell’ILO, Juan Somavia. “Per questo motivo promuoviamo la sicurezza sociale e l’introduzione di una protezione sociale di base a livello mondiale. Il rapporto mostra come, oggi più che mai, sia urgente garantire un’adeguata copertura sociale a tutti, a partire da un sistema di protezione sociale di base, così come definito nel Patto Globale per l’Occupazione dell’ILO”.

Il rapporto dichiara che la sicurezza sociale gioca un ruolo importante in tempi di crisi, compreso quello che stiamo attualmente attraversando, in quanto rappresenta “un insostituibile stabilizzatore economico, sociale e politico”, che fornisce un reddito sostitutivo e aiuta a stabilizzare la domanda aggregata, senza compromettere la crescita economica.

Tuttavia, il rapporto avverte anche che la riduzione della spesa per la sicurezza sociale, dovuta a politiche di consolidamento fiscale volte ad affrontare l’aumento dei debiti e dei deficit pubblici, “non soltanto colpisce direttamente i beneficiari dei sistemi di protezione sociale, riducendo gli standard di vita di una larga fascia di popolazione, ma, attraverso la domanda aggregata, colpisce, rallenta o ritarda significativamente anche la ripresa economica”.

Ecco alcuni fra i principali risultati del rapporto:

  • Prendendo in considerazione coloro che non sono economicamente attivi, si stima che nel mondo solo il 20 per cento circa delle persone in età lavorativa, insieme alle loro famiglie, gode di un effettivo accesso a sistemi di protezione sociale universali.
  • In media, il 17,2 per cento del PIL mondiale è dedicato alla sicurezza sociale. Tuttavia, questa spesa si concentra principalmente nei paesi ad alto reddito.
  • Nel mondo, circa il 40 per cento della popolazione in età lavorativa è coperto per legge da schemi pensionistici contributivi. Nell’America del Nord e in Europa, la percentuale equivale quasi al doppio di questa cifra, mentre in Africa meno di un terzo della popolazione in età lavorativa è coperta, almeno legalmente. La copertura effettiva è di gran lunga inferiore alla copertura legale. Nell’Africa sub-sahariana solo il 5 per cento della popolazione in età lavorativa è effettivamente coperta da schemi contribuitivi, mentre questa percentuale è pari al 20 per cento in Asia, Medio Oriente e Nord Africa.
  • Nei paesi ad alto reddito, il 75 per cento della popolazione dai 65 anni in su riceve una qualche forma di pensione, mentre nei paesi a basso reddito meno del 20 per cento delle persone anziane gode di prestazioni pensionistiche.
  • Solo nel 42 per cento dei 184 paesi analizzati dal rapporto sono previsti per legge degli schemi di sicurezza sociale a favore dei disoccupati, e spesso si tratta di schemi che coprono solo una minoranza della forza lavoro.
  • Nei paesi OCSE, le fonti finanziarie private rappresentano in media un quinto dei redditi pensionistici, ma raggiungono oltre il 40 per cento in cinque paesi: Australia, Canada, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti. Dall’altra parte, rappresentano meno del 5 per cento in Austria, Polonia, Slovacchia, Ungheria e Repubblica Ceca.
  • Meno del 30 per cento della popolazione in età lavorativa mondiale è coperta per legge da un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Tuttavia, esistono grandi differenze a livello regionale in termini di copertura legale.
  • Nei paesi a basso reddito, nelle aree rurali non più del 35 per cento delle donne ha accesso a dei servizi sanitari professionali, mentre nelle aree urbane il tasso di accesso raggiunge circa il 70 per cento. Tuttavia, si tratta comunque di oltre 20 punti percentuali in meno rispetto al tasso dei paesi ad alto reddito.

Lo studio sostiene, inoltre, che dei sistemi di assicurazione contro la disoccupazione, un’assistenza sociale e dei programmi di opere pubbliche ben concepiti rappresentano degli strumenti efficaci per prevenire la disoccupazione di lunga durata e velocizzare la ripresa economica a seguito di una recessione. Secondo il rapporto, i sistemi di assicurazione contro la disoccupazione sono stati la misura di protezione sociale più utilizzata per rispondere alla crisi. Tuttavia, solo 64 dei 184 paesi per i quali sono disponibili dei dati aveva già avviato questo tipo di meccanismi prima che scoppiasse la crisi.

Il rapporto evidenzia come nei paesi ad alto reddito la risposta più diffusa alla crisi economica sia stata quella di modificare i sistemi di assicurazione contro la disoccupazione esistenti. I paesi a medio reddito hanno risposto estendendo i sistemi previsti per l’impiego pubblico (per esempio nelle Filippine) e adottando meccanismi di trasferimento di denaro, come la Bolsa Familia in Brasile, Oportunidades in Messico, il sistema di sussidi sociali in Sud Africa o gli schemi pensionistici universali in Namibia e Nepal.

“La protezione sociale non contributiva rappresenta un’opportunità non solo per alleviare la povertà ma anche per colmare una buona parte dei divari che emergono da questo rapporto”, ha dichiarato Michael Cichon, Direttore del Dipartimento dell’ILO sulla sicurezza sociale. “Anche se vi è una stretta correlazione tra i livelli di reddito e l’ammontare delle risorse destinate alla sicurezza sociale, esiste tuttavia per i paesi a basso reddito lo spazio fiscale e politico per determinare che tipo di sistema di sicurezza sociale adottare, e quale ne può essere l’estensione”.

In conclusione, il rapporto afferma che gli schemi di sicurezza sociale dovrebbero tenere conto degli insegnamenti tratti dalle crisi economiche passate e di altri criteri, come ad esempio la crescente aspettativa di vita e la necessità di preservare un’adeguata sicurezza economica. “La crisi e la conseguente riduzione dei fondi pensione hanno chiaramente dimostrato la vulnerabilità dei livelli pensionistici, e quindi della sicurezza economica degli anziani, di fronte ai risultati dei mercati finanziari e ad altre fluttuazioni economiche”, spiega il rapporto.

Oltre al Rapporto 2010-2011 sulla sicurezza sociale, l’ILO ha pubblicato un nuovo studio Extending social security to all: A guide through challenges and options (“La sicurezza sociale per tutti: una guida attraverso sfide e opportunità”). La pubblicazione, di 140 pagine, definisce un quadro di riferimento per stabilire un livello di sicurezza sociale adeguato per tutti e fa una sintesi analitica delle ultime misure addotte in questo ambito nel mondo. Lo studio conclude che — poiché l’estensione effettiva della sicurezza sociale alle persone che ne hanno bisogno determina un impatto sociale ed economico positivo — tutti i paesi possono garantire un certo livello di sicurezza sociale, a condizione che vi sia una reale volontà politica.

Unità responsabile: Ufficio ILO per l'Italia e San Marino

Riferimento: ILO/10/61

Questo contenuto è anche disponibile in
English  Español  Français 
A A+A++  Stampa  Mail
chiudi

E-mail

Primo Rapporto dell’ILO sulla sicurezza sociale nel mondo: la sicurezza sociale gioca un ruolo cruciale in tempo di crisi, ma ancora non esiste in gran parte del mondo

A

Indirizzo e-mail:
Separa piu’ indirizzi con una virgola (,)

Il tuo recapito:

Nome o cognome:
Il tuo E-mail:
Invia
Condividi questo contenuto
© 1996-2014 International Labour Organization (ILO) | Copyright and permissions | Privacy policy | Disclaimer