« back to the search result list(it)  
TETRACLORONAFTALENEICSC: 1387
Marzo 2001
CAS #: 1335-88-2
EC Number: 215-642-9

  RISCHI ACUTI PREVENZIONE MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO ed ESPLOSIONE Combustibile. Emana fumi (o gas) irritanti o tossici nella fiamma.    Evitare fiamme libere.    Usare getto d'acqua, schiuma, polvere, biossido di carbonio.   

 PREVENIRE LA DISPERSIONE DELLA POLVERE!  
  SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO
Inalazione   Utilizzare aspirazione localizzata o dispositivi di protezione delle vie respiratorie.  Aria fresca, riposo. 
Cute Arrossamento.  Guanti protettivi. Vestiario protettivo.  Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. 
Occhi Arrossamento. Dolore.  Indossare Occhiali di sicurezza.  Prima sciaquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile), quindi sottoporre all'attenzione del medico. 
Ingestione Dolori addominali. Mal di testa. Nausea. Vomito.  Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro.  Risciacquare la bocca. Riposo. Sottoporre all'attenzione del medico . 

RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA
Protezione personale: respiratore con filtro antiparticolato idoneo alla concentrazione atmosferica della sostanza. Non permettere la contaminazione dell'ambiente da parte del prodotto chimico. Raccogliere la sostanza che fuoriesce in contenitori sigillabili. Se è opportuno, preumidificare per evitare la dispersione di polvere Raccogliere il residuo con cura. 

Conformemente ai criteri ONU GHS

 

Trasporto
Classificazione ONU
 

STOCCAGGIO
Separato da forti ossidanti e alimenti e mangimi. Conservare in un locale ben ventilato. 
IMBALLAGGIO
 
TETRACLORONAFTALENE ICSC: 1387
INFORMAZIONI FISICO-CHIMICHE

Stato fisico; Aspetto
CRISTALLI INCOLORI TENDENTI AL GIALLO-PALLIDO CON ODORE CARATTERISTICO. 

Pericoli da agenti fisici
 

Rischio chimico
Si decompone per combustione. Questo produce gas tossici di acido cloridrico e fosgene. Reagisce con i forti ossidanti. Questo genera rischio di incendio e di esplosione. 

Formula: C10H4Cl4
Massa molecolare: 265.9
Punto di ebollizione: 312-360°C
Punto di fusione: 182°C
Densità: 1.6 g/cm³
Solubilità in acqua: nessuna
Tensione di vapore, Pa a 25°C: <0.1
Densità relativa del vapore (aria = 1): 9.2
Flash point: 210°C o.c.
Coefficiente di ripartizione ottanolo/acqua come log Pow: 5.75-6.19  


ESPOSIZIONE ed EFFETTI SULLA SALUTE

Vie di esposizione
La sostanza può essere assorbita dall'organismo per inalazione di fumo e attraverso la cute. 

Effetti di esposizione a breve termine
La sostanza è blandamente irritante per gli occhi e la cute. 

Rischi per inalazione
Una concentrazione dannosa in aria non potrà essere raggiunta o sarà raggiunta solo molto lentamente per evaporazione della sostanza a 20°C; a spruzzo o dispersione, comunque, molto più velocemente. 

Effetti di esposizione a lungo termine o ripetuta
La sostanza può avere effetto sul fegato. Ciò può causare danni epatici. 


Limiti di esposizione occupazionale
TLV: 2 mg/m3, as TWA 

AMBIENTE
Può esserci bioaccumulo di questa sostanza nel pesce. Si raccomanda vivamente che questa sostanza non sia immessa nell'ambiente. La sostanza può causare effetti a lungo termine negli ambienti acquatici. 

NOTE
The health effects may vary with the proportion of the different isomers present. 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
  Classificazione CE
 

(it)ILO, WHO o l'Unione europea non sono responsabili della qualità o della correttezza della traduzione , né dell'uso che verrà fatto di queste informazioni.
© Versione in Italiano, Arpae ER, 2018