« back to the search result list(it)  
TRIFLUORURO DI AZOTOICSC: 1234
Floruro di azoto
Trifluoroamina
Trifluoroammonio
Perfluoroammonio
Ottobre 2004
CAS #: 7783-54-2
UN #: 2451
EC Number: 232-007-1

  RISCHI ACUTI PREVENZIONE MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO ed ESPLOSIONE Non combustibile ma può favorire combustione di altre sostanze. Emana fumi (o gas) irritanti o tossici nella fiamma. Il riscaldamento può causare innalzamento della pressione con rischio di scoppio.    Evitare il contatto con infiammabili. Evitare il contatto con agenti riducenti.    In caso di incendio nell'ambiente circostante, utilizzare appropriati mezzi estinguenti.  In caso di incendio mantenere fredda la bombola irrorando con acqua. 

   
  SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO
Inalazione   Utilizzare ventilazione, aspirazione localizzata o dispositivi di protezione delle vie respiratorie.  Aria fresca, riposo. 
Cute     Rimuovere i vestiti contaminati. 
Occhi   Indossare Occhiali protettivi a mascherina.  Prima sciaquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile), quindi sottoporre all'attenzione del medico. 
Ingestione      

RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA
Ventilazione. Mai usare il getto d'acqua sul liquido. Protezione personale: autorespiratore. 

Conformemente ai criteri ONU GHS

 

Trasporto
Classificazione ONU
UN Classe di rischio: 2.2; UN Rischi supplementari: 5.1 

STOCCAGGIO
A prova di fuoco se all'interno di un edificio. Separato da sostanze combustibili e agenti riducenti. Freddo. 
IMBALLAGGIO
 
TRIFLUORURO DI AZOTO ICSC: 1234
INFORMAZIONI FISICO-CHIMICHE

Stato fisico; Aspetto
GAS INCOLORE CON ODORE CARATTERISTICO. 

Pericoli da agenti fisici
Il gas è più pesante dell'aria e può accumularsi negli spazi inferiori causando un difetto di ossigeno. 

Rischio chimico
Si decompone per riscaldamento. Questo produce fumi tossici inclusi fluoruro. La sostanza è un ossidante forte. Reagisce con i materiali combustibili e riducenti. Reagisce violentemente con l'ammoniaca, il monossido di carbonio, il diborano, l'idrogeno, l'acido solfidrico, il metano e la tetrafluoroidrazina. Questo genera rischio di esplosione. Attacca i metalli. La sostanza si decompone per scariche elettriche. 

Formula: NF3
Massa molecolare: 71.0
Punto di ebollizione: -129°C
Punto di fusione: -208.5°C
Densità relativa (acqua = 1): vedi Note
Solubilità in acqua: nessuna
Densità relativa della miscela vapore/aria a 20°C (air = 1): 2.45 


ESPOSIZIONE ed EFFETTI SULLA SALUTE

Vie di esposizione
La sostanza può essere assorbita dall'organismo per inalazione. 

Effetti di esposizione a breve termine
 

Rischi per inalazione
In caso di perdita, può essere raggiunta molto rapidamente una concentrazione dannosa di questo gas in aria. 

Effetti di esposizione a lungo termine o ripetuta
La sostanza può avere effetto sul fegato e sui reni. Esposizioni ripetute o prolungate possono provocare fluorosi. 


Limiti di esposizione occupazionale
TLV: 10 ppm as TWA; BEI issued 

AMBIENTE
 

NOTE
Density of the liquid at boiling point: 1.885 kg/l.
The odour warning when the exposure limit value is exceeded is insufficient.
Methemoglobinemia has been observed in animals, but relevance to humans is unclear.
Turn leaking cylinder with the leak up to prevent escape of gas in liquid state.
Wear protective equipment during this operation.
Check oxygen content before entering area.
High concentrations in the air cause a deficiency of oxygen with the risk of unconsciousness or death. 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
  Classificazione CE
 

(it)ILO, WHO o l'Unione europea non sono responsabili della qualità o della correttezza della traduzione , né dell'uso che verrà fatto di queste informazioni.
© Versione in Italiano, Arpae ER, 2018