« back to the search result list(it)  
1-METOSSI-2-PROPANOLOICSC: 0551
Propilene Glicol Monometil Etere
1-Metossiixy-propano-2-olo
1-Metossi-2-idrossipropano
Propilene glicol metil etere
Agosto 1997
CAS #: 107-98-2
UN #: 3092
EC Number: 203-539-1

  RISCHI ACUTI PREVENZIONE MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO ed ESPLOSIONE Infiammabile.  Al di sopra di 38°C possono formarsi miscele esplosive di vapore/aria.  Evitare fiamme libere, scintille e non fumare.  Sopra 38°C usare un sistema chiuso, ventilazione e apparecchi elettrici a prova di esplosione.  Usare getto d'acqua, polvere, schiuma resistente all'alcool, biossido di carbonio.  In caso di incendio mantenere i contenitori, etc. freddi spruzzando con acqua. 

   
  SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO
Inalazione Tosse. Sonnolenza. Mal di testa. Mal di gola.  Utilizzare ventilazione, aspirazione localizzata o dispositivi di protezione delle vie respiratorie.  Aria fresca, riposo. Richiedere assistenza medica. 
Cute Cute secca. Arrossamento.  Guanti protettivi. Vestiario protettivo.  Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare la cute con abbondante acqua o con una doccia. 
Occhi Copiosa lacrimazione. Arrossamento. Dolore.  Indossare Occhiali di sicurezza o Visiera.  Prima sciaquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile), quindi sottoporre all'attenzione del medico. 
Ingestione Sonnolenza. Mal di testa. Nausea.    Risciacquare la bocca. Non indurre il vomito. Riposo. Sottoporre all'attenzione del medico . 

RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA
Raccogliere il più presto possibile il liquido fuoriuscito e sversato in contenitori chiusi. Lavare via il residuo con acqua abbondante. 

Conformemente ai criteri ONU GHS

 

Trasporto
Classificazione ONU
UN Classe di rischio: 3; UN Gruppo di imballaggio:III 

STOCCAGGIO
A prova di fuoco. Freddo. Conservare al buio. 
IMBALLAGGIO
 
1-METOSSI-2-PROPANOLO ICSC: 0551
INFORMAZIONI FISICO-CHIMICHE

Stato fisico; Aspetto
LIQUIDO INCOLORE CON ODORE CARATTERISTICO. 

Pericoli da agenti fisici
 

Rischio chimico
La sostanza forma presumibilmente perossidi esplosivi. Reagisce con i forti ossidanti, i cloruri acidi, le anidridi acide, l'alluminio e il rame. 

Formula: C4H10O2 / H3CCHOHCH2OCH3
Massa molecolare: 90.1
Punto di ebollizione: 120°C
Punto di fusione: -96°C
Densità relativa (acqua = 1): 0.92
Solubilità in acqua: molto buona
Tensione di vapore, kPa a 20°C: 1.2
Densità relativa della miscela vapore/aria a 20°C (air = 1): 1.03
Flash point: 38°C
Temperatura di autoaccensione: 270°C
Limiti di eplosività, vol% in aria: 1.9-13.1 


ESPOSIZIONE ed EFFETTI SULLA SALUTE

Vie di esposizione
La sostanza può essere assorbita dall'organismo per inalazione dei suoi aerosol o vapori, attraverso la cute e per ingestione. 

Effetti di esposizione a breve termine
La sostanza e il vapore in concentrazioni elevate sono irritanti per gli occhi, la cute e il tratto respiratorio. L'esposizione a concentrazioni molto elevate potrebbe provocare depressione del sistema nervoso centrale. 

Rischi per inalazione
Può essere raggiunta abbastanza lentamente una concentrazione dannosa in aria per evaporazione di questa sostanza a 20°C. 

Effetti di esposizione a lungo termine o ripetuta
La sostanza sgrassa la cute,che può provocare secchezza e screpolature. 


Limiti di esposizione occupazionale
TLV: 50 ppm as TWA; 100 ppm as STEL; A4 (not classifiable as a human carcinogen).
MAK: 370 mg/m3, 100 ppm; peak limitation category: I(2); pregnancy risk group: C.
EU-OEL: 375 mg/m3, 100 ppm as TWA; 568 mg/m3, 150 ppm as STEL; (skin) 

AMBIENTE
 

NOTE
Commercial product may contain impurities which may alter toxic properties.
Check for peroxides prior to distillation; eliminate if found. 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
  Classificazione CE
R: 10; S: (2)-24 

(it)ILO, WHO o l'Unione europea non sono responsabili della qualità o della correttezza della traduzione , né dell'uso che verrà fatto di queste informazioni.
© Versione in Italiano, Arpae ER, 2018