« back to the search result list(it)  
ISOFORONE DIISOCIANATOICSC: 0499
3-Isocianatometil - 3,5,5-trimetilcicloesil isocianato
Estere metilenico (3,5,5-trimetil-3, 1-cicloesilene) dell'acido isocianico
IPDI
Novembre 2008
CAS #: 4098-71-9
UN #: 2290
EC Number: 223-861-6

  RISCHI ACUTI PREVENZIONE MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO ed ESPLOSIONE Combustibile. Emana fumi (o gas) irritanti o tossici nella fiamma. Il riscaldamento può causare innalzamento della pressione con rischio di scoppio.    Evitare fiamme libere.    Usare getto d'acqua, schiuma, polvere, biossido di carbonio.   

 EVITARE OGNI CONTATTO!  
  SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO
Inalazione Tosse. Mal di gola. Sensazione di bruciore.  Utilizzare sistema chiuso.  Aria fresca, riposo. Posizione semi eretta. Richiedere assistenza medica immediata. 
Cute Arrossamento. Dolore. Gravi ustioni cutanee.  Guanti protettivi. Vestiario protettivo.  Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. Sottoporre all'attenzione del medico . 
Occhi Arrossamento. Dolore.  Indossare visiera o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie.  Sciacquare con abbondante acqua (rimuovere le lenti a contatto se è possibile). Sottoporre immediatamente all'attenzione del medico. 
Ingestione Bocca secca. Sensazione di bruciore. Dolori addominali.  Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro.  Risciacquare la bocca. Non indurre il vomito. Dare da bere uno o due bicchieri di acqua. Sottoporre all'attenzione del medico . 

RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA
Protezione personale: tuta di protezione da composti chimici munita di autorespiratore. Raccogliere il liquido che fuoriesce in contenitori coperti. Assorbire il liquido restante con sabbia or assorbente inerte. Poi immagazzinare e smaltire secondo le normative locali. Trattare il liquido rimanente con una miscela di ammoniaca (4-8%), detergente (2%), e acqua. Non permettere la contaminazione dell'ambiente da parte del prodotto chimico. 

Conformemente ai criteri ONU GHS

corrskull;toxiccancer;health haz
PERICOLO
Letale se viene inalato
Nocivo per contatto con la pelle
Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari
Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà di respirazione se inalato
Può provocare reazione allergica cutanea 

Trasporto
Classificazione ONU
UN Classe di rischio: 6.1; UN Gruppo di imballaggio:III 

STOCCAGGIO
Separato da basi, acidi, alcooli, ammine, ammidi, fenoli, mercaptani e alimenti e mangimi. Conservare in un locale ben ventilato. Ben chiuso. Freddo. Secco. Immagazzinare in un'area senza tombini o accesso alle fogne. 
IMBALLAGGIO
A tenuta d'aria.
Non trasportare con alimenti e mangimi. 
ISOFORONE DIISOCIANATO ICSC: 0499
INFORMAZIONI FISICO-CHIMICHE

Stato fisico; Aspetto
LIQUIDO INCOLORE TENDENTE AL GIALLO CON ODORE PUNGENTE. 

Pericoli da agenti fisici
 

Rischio chimico
La sostanza può polimerizzare. Si decompone per combustione. Questo produce fumi tossici e corrosivi inclusi l'acido cianidrico e gli ossidi di azoto. Reagisce con gli acidi, l'alcol, le ammine, le basi, le ammidi, i fenoli e i mercaptani. Questo genera rischio tossico, di incendio ed esplosione. Attacca le plastiche and la gomma. 

Formula: C12H18N2O2 / (CH3)2C6H7(CH3)(N=C=O)CH2N=C=O
Massa molecolare: 222.3
Punto di ebollizione a 1.33kPa: 158°C
Si decompone a 310°C
Punto di fusione: -60°C
Densità relativa (acqua = 1): 1.06
Solubilità in acqua, g/100ml: 15 (reazione)
Tensione di vapore, Pa a 20°C: 0.04
Densità relativa della miscela vapore/aria a 20°C (air = 1): 1.0
Flash point: 155°C c.c.
Temperatura di autoaccensione: 430°C
Limiti di eplosività, vol% in aria: 0.7-4.5
Coefficiente di ripartizione ottanolo/acqua come log Pow: 4.75 (calcolato) 


ESPOSIZIONE ed EFFETTI SULLA SALUTE

Vie di esposizione
La sostanza può essere assorbita dall'organismo per inalazione dei suoi aerosol e attraverso la cute. 

Effetti di esposizione a breve termine
La sostanza è corrosivo per la cute. La sostanza è severamente irritante per gli occhi. L'aerosol è irritante per il tratto respiratorio. 

Rischi per inalazione
Può essere raggiunta abbastanza rapidamente una concentrazione dannosa in aria per evaporazione della sostanza a 20°C a spruzzo. 

Effetti di esposizione a lungo termine o ripetuta
Contatti ripetuti o prolungati possono provocare sensibilizzazione cutanea. Esposizioni ripetute o prolungate possono provocare asma. Vedi Note. 


Limiti di esposizione occupazionale
TLV: 0.005 ppm as TWA.
MAK: 0.046 mg/m3, 0.005 ppm; peak limitation category: I(1); sensitization of respiratory tract and skin (SAH); pregnancy risk group:

AMBIENTE
Questa sostanza può essere pericolosa per l'ambiente. Una attenzione particolare deve essere posta agli organismi acquatici. 

NOTE
Chiunque abbia avuto sintomi di asma a causa di questa sostanza, dovrebbe evitare ogni ulteriore contatto.
L'odore è un avvertimento insufficiente di superamento del limite di esposizione.
Non portare a casa abiti da lavoro. 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
  Classificazione CE
Simbolo: T, N; R: 23-36/37/38-42/43-51/53; S: (1/2)-26-28-38-45-61; Nota: 2 

(it)ILO, WHO o l'Unione europea non sono responsabili della qualità o della correttezza della traduzione , né dell'uso che verrà fatto di queste informazioni.
© Versione in Italiano, Arpae ER, 2018