« back to the search result list(it)  
ANTIMONIO TRIOSSIDOICSC: 0012
Antimonio sesquiossido
Antimonio(III) ossido
Antimonio bianco
Fiori di antimonio
Ottobre 2013
CAS #: 1309-64-4
UN #: (vedi Note)
EC Number: 215-175-0

  RISCHI ACUTI PREVENZIONE MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO ed ESPLOSIONE Non combustibile. Emana fumi (o gas) irritanti o tossici nella fiamma.        In caso di incendio nell'ambiente circostante, utilizzare appropriati mezzi estinguenti.   

 PREVENIRE LA DISPERSIONE DELLA POLVERE! IGIENE RIGOROSO!  
  SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO
Inalazione Tosse. Mal di testa. Nausea. Mal di gola. Vomito.  Utilizzare aspirazione localizzata o dispositivi di protezione delle vie respiratorie.  Aria fresca, riposo. Richiedere assistenza medica. 
Cute Arrossamento. Dolore. Vesciche  Guanti protettivi.  Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. Sottoporre all'attenzione del medico . 
Occhi Arrossamento. Dolore.  Indossare occhiali protettivi a mascherina o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie se polvere.  Prima sciaquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile), quindi sottoporre all'attenzione del medico. 
Ingestione Dolori addominali. Diarrea. Bocca secca. Vomito. Sensazione di bruciore nello stomaco. Inoltre vedi Inalazione.  Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro.  Risciacquare la bocca. Riposo. Sottoporre all'attenzione del medico . 

RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA
Protezione personale: respiratore con filtro antiparticolato idoneo alla concentrazione atmosferica della sostanza. Raccogliere la sostanza sversata in contenitori sigillabili coperti. Se è opportuno, preumidificare per evitare la dispersione di polvere Raccogliere il residuo con cura. Poi immagazzinare e smaltire secondo le normative locali. 

Conformemente ai criteri ONU GHS

cancer;health haz
ATTENZIONE
Sospettato di provocare il cancro
Provoca leggera irritazione cutanea 

Trasporto
Classificazione ONU
 

STOCCAGGIO
Separato da alimenti e mangimi. 
IMBALLAGGIO
Non trasportare con alimenti e mangimi. 
ANTIMONIO TRIOSSIDO ICSC: 0012
INFORMAZIONI FISICO-CHIMICHE

Stato fisico; Aspetto
POLVERE BIANCA CRISTALLINA INODORE. 

Pericoli da agenti fisici
 

Rischio chimico
Si decompone per riscaldamento. Questo produce fumi tossici. Reagisce in alcune condizioni con l'idrogeno. Questo produce un gas molto tossico (stibina- vedi ICSC 776). 

Formula: Sb2O3
Massa molecolare: 291.5
Punto di ebollizione: 1550°C (sublima parzialmente)
Punto di fusione: 656°C
Densità (a 24°C): 5.9 g/cm³
Vedi Note.
Solubilità in acqua, g/l a 22.2°C: 0.0033 (nessuna)
Tensione di vapore, Pa a 574°C: 130  


ESPOSIZIONE ed EFFETTI SULLA SALUTE

Vie di esposizione
La sostanza può essere assorbita dall'organismo per inalazione. 

Effetti di esposizione a breve termine
La sostanza è blandamente irritante per gli occhi, la cute e il tratto respiratorio. 

Rischi per inalazione
Può essere raggiunta molto rapidamente una concentrazione dannosa di particelle aerodisperse quando disperso. 

Effetti di esposizione a lungo termine o ripetuta
Esposizioni ripetute o prolungate alla polverepossono provocare effetti su ai polmoni. Sono stati osservati tumori in animali da esperimento ma non rilevanti per l'uomo. 


Limiti di esposizione occupazionale
TLV: A2 (suspected human carcinogen).
MAK: carcinogen category: 2; germ cell mutagen group: 3B 

AMBIENTE
 

NOTE
Melting point established under the absence of oxygen.
Density differs with crystalline structure.
A seconda del grado di esposizione, sono consigliati esami clinici periodici.
The recommendations on this card do not apply to vapour exposure during the production.
The technical product may contain impurities which alter the health effects; for further information see ICSC 0013 Arsenic.
According to special provision SP45, antimony trioxide is not regulated for transport unless it contains more than 0.5% of arsenic. In that case it should be classified as UN number 1549 (Hazard class 6.1 and packaging group III).
TLV Nota: L'esposizione per tutte le vie deve essere mantenuta accuratamente ai livelli più bassi possibili. 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
  Classificazione CE
Simbolo: Xn; R: 40; S: (2)-22-36/37 

(it)ILO, WHO o l'Unione europea non sono responsabili della qualità o della correttezza della traduzione , né dell'uso che verrà fatto di queste informazioni.
© Versione in Italiano, Arpae ER, 2018